Caos rifiuti. Calandrini (Fratelli d’Italia): “Aprilia non può pagare gli errori degli amministratori PD e M5S romani”

Il commento del senatore di Fratelli d’Italia Nicola Calandrini, che interviene in ordine alla vicenda del conferimenti dei rifiuti dal TMB di Malagrotta a quello della città di Aprilia.

“I cittadini di Aprilia non possono pagare i gravi errori posti in essere oggi, come nel recente passato, dalle amministrazioni romane guidate dal centrosinistra”.

“Non è la prima volta – prosegue il senatore – che il territorio dell’agro pontino si fa carico di una errata gestione del comparto rifiuti nella Capitale, esponendo gli abitanti che vivono negli immediati dintorni ad ulteriori disagi”.

Secondo l’esponente di Fratelli d’Italia è necessario un netto cambio di tendenza nella gestione dei rifiuti finalizzato ad abbandonare logiche ormai superate e ad ottimizzare il ciclo virtuoso della raccolta differenziata.

“La non adeguata gestione regionale del sistema impiantistico per il trattamento dei rifiuti – aggiunge Calandrini – è resa sempre più evidente dalla cronica emergenza che vive Roma ed il territorio regionale. Questa incapacità nell’amministrare non può ripercuotersi sulle province del Lazio nè tantomeno sulla Provincia di Latina.

La scelta Commissariale dei siti per la localizzazione degli impianti nei Comuni di Cisterna di Latina e di Aprilia rende ancora più evidente che si cerca di risolvere il problema dei rifiuti di Roma”.

“Questo approccio metodologico – puntualizza l’esponente di FdI – è errato e rischia di creare ulteriore danno al danno già creato dall’incapacità degli amministratori regionali. Le scelte debbono seguire il principio dell’autosufficienza impiantistica per ambito territoriale ottimale ed incentivare, con ogni iniziativa utile, la riduzione dei rifiuti, la loro valorizzazione come risorsa e la creazione di un sistema virtuoso che ne incentivi il riutilizzo.

Si devono attuare politiche ambientali che non siano dettate da chi ha mere finalità di lucro ma siano dirette a soddisfare l’interesse pubblico.

La Regione esca allo scoperto e dica se ha o meno un’idea su come gestire i rifiuti del Lazio. Basta improvvisazioni e scelte dettate da una emergenza ormai non più credibile”.

“Fratelli d’Italia chiede immediate risposte in tal senso al ministro della Transizione ecologica Cingolani, al presidente della Regione Lazio Zingaretti e al sindaco di Roma Gualtieri: devono spiegare quale strategia vogliono attuare per evitare che la Capitale viva un nuovo incubo rifiuti creando disagi ai cittadini dell’Agro Pontino”

Conclude il senatore di Fratelli d’Italia Nicola Calandrini.

Riceviamo e pubblichiamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.