Rigettato il ricorso al tar, gli animali della “Sfattoria Degli Ultimi” saranno abbattuti

Anche il ricorso al TAR è stato rigettato. Questa l’ultima notizia che vede le speranze dei tanti animalisti svanire nel nulla. Gli animali, molti cuccioli tra maiali e cinghiali, tenuti all’interno della fattoria, adesso rischiano veramente di essere abbattuti per il dilagare della peste suina.

L’abbattimento degli animali è stato notificato dalla ASL RM1, tutti sani e microchippati, e per quanto riguarda le istituzioni sembra essere l’unica soluzione.

Le tante Associazioni intervenute al fianco della “Sfattoria degli Ultimi” hanno un’ultima, flebile, speranza… tenere duro facendo barricata ed aspettare l’eventuale ricorso al Consiglio di Stato

Questo il post sulla pagina https://www.facebook.com/sfattoriadegliultimi/

IL TAR HA RIGETTATO LA RICHIESTA DI SOSPENSIVA URGENTE.

Il giudice non ha riconosciuto il periculum in mora, ovvero il danno grave e irreparabile.

L’uccisione di 140 animali da affezione in un rifugio non é ritenuto un danno grave e irreparabile dal Tar del Lazio.

Ora c’é davvero bisogno dell’aiuto di tutti. Di Tutti.

Gli animali della Sfattoria sono in pericolo.

È stato precisato che è stata rigettata la richiesta di sospensiva urgente, non il ricorso. Essendo stata bocciata la sospensiva l’ordinanza di abbattimento diventa esecutiva, il ricorso ordinario andrà avanti ma con tempi lunghi. È perciò importante la mobilitazione generale per contrastare l’esecuzione dell’abbattimento.

Questa mattina, in diretta dalla “Sfattoria degli Ultimi” ancora un appello di Davide Tutino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.