Il VicePresidente del Consiglio: “Il futuro del Lazio passa dalla partecipazione di territori, istituzioni e imprese”

<Un percorso partecipato, trasparente e che prende in debita considerazione le istanze dei territori e del mondo delle imprese.

E’ quello iniziato formalmente dalla Regione Lazio nei giorni scorsi con la espressa volontà di acquisizione di manifestazioni d’interesse correlate alle tematiche della transizione ecologica per la ricognizione di idee, progetti e fabbisogni del sistema regionale e per l’elaborazione del Piano di Transizione Ecologica della Regione Lazio destinato ad attori territoriali pubblici e privati.

Si tratta di un modo di fare particolarmente virtuoso e che mi sento di condividere appieno: ascoltare i territori prima di formare atti importanti come i prossimi bandi regionali, da finanziare con i fondi strutturali, e di investimento europei, per utilizzare al meglio le risorse straordinarie del PNRR.

Sono convinto che tramite la partecipazione tante potranno essere le idee innovative o gli importanti spunti di riflessione che potranno diventare parte integrante del Piano regionale di Transizione Ecologica, un documento che sarà fondamentale per i processi di sviluppo sostenibile dei prossimi anni della Regione e del paese.

FAS

Al termine della fase di ricognizione, le informazioni raccolte verranno utilizzate dalla Regione Lazio per identificare i migliori strumenti di impiego delle risorse e per calibrare gli investimenti secondo i principi di massimo impatto ed efficienza, con l’obiettivo di connettere le esigenze dei territori con le competenze e le innovazioni che l’impresa è in grado di offrire.>

Lo dichiara Devid Porrello, Consigliere M5S Lazio e Vicepresidente del Consiglio Regionale.

Comunicato stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *