“Credito d’imposta del 28% contro il caro carburante, pubblicate le modalità di fruizione dei 500 milioni di euro stanziati”

Ci siamo. E’ stato pubblicato il decreto del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili che fissa i criteri e le modalità di assegnazione del credito d’imposta del 28% a favore dell’autotrasporto merci.

Potranno essere così trasferiti alle imprese i 500 milioni di euro che erano stati stanziati dal governo per mitigare gli effetti dell’impennata dei prezzi del carburante nel primo trimestre di quest’anno e al cui utilizzo l’Unione Europea aveva dato il via libera.

A dare la notizia, è la CNA di Viterbo e Civitavecchia. “C’era grande attesa per la formalizzazione delle procedure finalizzate all’erogazione delle risorse alle imprese.

Questa misura, necessaria per compensare, almeno in parte, gli extracosti sostenuti dagli autotrasportatori, è frutto del serrato confronto svoltosi nei mesi scorsi tra i rappresentanti del governo e le associazioni di categoria, con l’importante contributo di CNA Fita”,

afferma la segretaria, Luigia Melaragni, che aggiunge: “Resta naturalmente aperta, per il settore, la partita delle regole, dai tempi di carico e scarico a quelli dei pagamenti”.

Potranno fruire del credito d’imposta nella misura del 28% della spesa sostenuta nei primi tre mesi del 2022, le imprese con sede in Italia iscritte nell’Albo Nazionale degli Autotrasportatori e nel Registro Elettronico Nazionale, impegnate in attività di logistica e trasporto merci per conto di terzi, che utilizzino veicoli di massa totale pari o superiore a 7,5 tonnellate con motori diesel di categoria euro 5 o superiore.

La domanda per accedere al beneficio dovrà essere presentata esclusivamente attraverso la piattaforma informatica dedicata, attivata e gestita dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, entro 30 giorni dalla data che a breve sarà comunicata sul sito del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili.

Il credito d’imposta, che sarà assegnato in base all’ordine cronologico di presentazione delle domande e nel rispetto dei limiti del Registro Nazionale degli Aiuti di Stato, potrà essere utilizzato solo in compensazione.

CNA garantisce alle imprese interessate il servizio di informazioni e assistenza. Telefono 0761.2291.

Riceviamo e pubblichiamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.