L’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti dal 7 al 13 Marzo per la Settimana Mondiale del Glaucoma distribuisce opuscoli informativi appositamente predisposti

La Sezione Italiana dell’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità (IAPB Italia onlus); con la collaborazione delle strutture dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS – APS; in occasione della Settimana Mondiale del Glaucoma (che quest’anno verrà celebrata dal 07 al 13 marzo 2022); con l’autorizzazione ed il patrocinio della ASL RM-4, vogliono organizzare specifiche iniziative per la prevenzione del glaucoma.

In una logica di continuità con la funzione e lo spirito con cui l’Agenzia e l’U.I.C.I.; da sempre inquadrano le proprie attività, anche quest’anno intendono farsi carico della diffusione della cultura della prevenzione del glaucoma (il ladro della vista); che è la seconda causa di cecità nel mondo, colpendo 55 milioni di persone.

Sempre più utile, infatti, si rivela essere la corretta informazione della popolazione sui gravi rischi cui espone questa patologia, se non diagnosticata e curata tempestivamente.

A tale scopo, la Sezione Territoriale U.I.C.I. di Civitavecchia, INTENDE portare avanti l’iniziativa di prevenzione primaria; con la distribuzione nella settimana indicata di opuscoli informativi appositamente predisposti, presso gli ambulatori oculistici di Via Etruria e presso il reparto oculistico dell’Ospedale S. Paolo di Civitavecchia, con l’affissione presso gli studi di locandine appositamente dedicati.

Inoltre, nella mattinata di giovedì 10 marzo, dalle ore 08:30 alle 12:30, i volontari della Sezione saranno presenti in Largo Monsignor D’Ardia; per distribuire gratuitamente gli opuscoli informativi alla cittadinanza.
Il Presidente. Dott. Renzo Berardicurti
Comunicato stampa

COLLABORA CON NOI!!! scrivi a talkcity.redazione@gmail.com / whattsapp 371.4257820

                                                                                                 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.