Disabilità e fragilità. “La nostra amicizia più forte di tutto”


La Fondazione Roma Litorale in campo con un progetto per permettere ai ragazzi di poter essere autonomi e indipendenti

Un’amicizia nata sul ‘posto di lavoro’. Nel bar interno della Fondazione Roma Litorale, ente socio sanitario con sede nel X Municipio di Roma che si occupa di 500 bambini e ragazzi con disabilità del neurosviluppo e fragilità, dove quotidianamente preparano e servono caffè e cappuccini a dipendenti e famiglie.

Un progetto per continuare a coltivare quest’amicizia anche dopo l’orario lavorativo. 

Si chiama ‘Esco con gli amici’ e nasce, spiega la dottoressa Daniela Pierlorenzi, coordinatrice del Centro Diurno della Fondazione Roma Litorale, “per creare relazioni positive con il territorio e costruire esperienze che possano far sentire i ragazzi effettivamente membri della comunità”. 

Davide, Francesca, Lorenzo, Tommaso, Jessica, Federica, Barbara, Allison, Simone così, oltre a svolgere il proprio ‘turno di lavoro’ nel bar della Fondazione, a turno sono impegnati a imparare le regole base del codice della strada, il tragitto verso bar e ristoranti che hanno scelto, fare conti e maneggiare soldi per essere indipendenti. 

“L’obiettivo – sottolinea la dottoressa Pierlorenzi – è che riescano a muoversi in autonomia e possano frequentarsi anche fuori. Il progetto è diviso per step, in modo da acquisire le capacità in modo graduale”.

“Il primo step, che stiamo iniziando ora, è trovare due luoghi che ai ragazzi interessi frequentare, in questo caso un bar e un ristorante, e mostrare loro il percorso.

In questa fase prenderanno anche dei punti di riferimento: la farmacia, un negozio, un palazzo che possa aiutarli a orientarsi e non perdersi. Una volta assimilato il percorso saranno loro a mostrarci la strada.

Durante il terzo step i ragazzi saranno seguiti a distanza da un educatore per poi procedere in totale autonomia. Naturalmente saremo in contatto con loro, così come saranno avvertiti gli esercizi commerciali che quindi li attenderanno”. 

“Obiettivo finale – afferma Pierlorenzi – è ampliare i punti di loro interesse in modo che possano, come tutti noi, socializzare dopo il lavoro recandosi al bar, al ristorante o dove vogliano. Prendere i mezzi pubblici, utilizzare il denaro”. 

“L’attività organizzata dall’equipe del centro diurno della Fondazione – sottolinea il direttore generale, Stefano Galloni – sotto la sorveglianza dell’equipe medica e di supervisione, è certamente motivo di orgoglio ma deve essere considerata come una attività ‘dovuta’ alle persone che abbiamo in carico, che rimangono il soggetto fondamentale cui dare supporto per l’inclusione e una vita serena come per ogni altro cittadino.

Questo è l’obiettivo, questo è uno dei nostri scopi sociali, nel rispetto dei principi di autodeterminazione e autorappresentanza”.
Riceviamo e pubblichiamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.