In diretta a TalkCity TV Valentina d’Ettorre ci racconta dell’amata attrice Franca Valeri e del suo amore per gli animali

Nella splendida cornice del  Lago, a Trevignano Romano l’Associazione Animalista “Franca Valeri” Onlus, offre sin dagli albori, una seconda vita agli animali più sfortunati. Oggi, rifugio –  fondato nel 2004 e curato personalmente dall’attrice Franca Valeri –  anche dopo la sua morte, continua incessantemente la propria attività; di questo e molto altro, ne parla la volontaria, Valentina d’Ettorre, al microfono del Canale Social TalkCity TV.

Alessandra, quali sono le principali attività dell’associazione? <Cerchiamo di dare una nuova opportunità di vita agli animali in difficoltà, principalmente cani e gatti che hanno subito il trauma dell’abbandono, dei maltrattamenti o semplicemente rimasti orfani.  Il rifugio, ha la lo scopo di essere una casa famiglia per tutti gli animali che la ospitano in attesa di essere di adottati.>

Franca Valeri era un’attrice e donna di cultura, pochi l’hanno conosciuta nelle vesti di animalista. Ce la può raccontare? <Franca era una grande attrice, tutti noi conosciamo i suoi successi  cinematografici e teatrali. Ma era anche un’attiva e convinta animalista. In occasione del suo 99esimo compleanno avevamo organizzato la proiezione di uno dei suoi film all’Arena di Trevignano Romano, c’erano moltissime persone tra cui il Sindaco e noi volontari. Tutti si sono profusi in elogi e complimenti, e dunque la sua affermazione quasi di rimprovero fu “Avete parlato solo di me e non dei cani”:  per lei il rifugio era un qualcosa che sosteneva con convinzione e profonda umanità; la stessa che ha trasmesso a noi.>

 C’è coesione e  supporto tra l’Associazione e la cittadinanza? <Collaboriamo con l’amministrazione comunale con la Asl veterinaria e con la popolazione del territorio, nella risoluzione delle problematiche degli animali e ambientali. Abbiamo il privilegio di vivere in una zona protetta, il Parco Regionale Bracciano- Martignano Inoltre, accogliamo richieste di segnalazione sia di animali selvatici che domestici e interveniamo quando questi, non hanno più la possibilità di essere accuditi. Quest’anno tra i progetti ci sono le scuole del nostro comune dove faremo conoscere ai giovani, sia il rispetto per gli animali che le normative vigenti a scopo di tutela.>

Come ci si deve comportare quando ai trova un animale smarrito? <Innanzi tutto bisogna mettere in sicurezza l’animale, chiamare la polizia locale o la Asl Veterinaria  che ne indentificheranno l’appartenenza  grazie al microchip. successivamente, controllano le condizioni dell’animale e  – nel caso del cane –  se è ben tenuto. Nei casi estremi di maltrattamento e mal governo, si arriva al sequestro dell’animale e la denuncia del proprietario.>

Quanto ancora bisogna fare per far sì che i nostri amici a quattro zampe abbiano pari diritti e dignità? <C’è tantissimo da fare. C’è  tutta una cultura da portare nelle case. Molti, non si rendono conto di quanto l’animale abbia solo bisogno della nostra compagnia, senza grandi pretese. Se non si ha la possibilità di tenerlo in casa, di prendersene cura, rispettarne i tempi e la personalità, sconsiglio di adottarlo.>

Come si può sostenere l’Associazione? <Ci sono tantissimi modi per supportarci, innanzi tutto adottando un cane o un gatto, anche a distanza. Inoltre, si può devolvere il 5×1000 per contribuire alle spese dell’Associazione. Si può collaborare anche materialmente, portando a spasso i cani o aiutando nella manutenzione del rifugio>

il video del programma: https://www.facebook.com/talkcity.canaleTVsocial/videos/608101857139497

Erica Trucchia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *