Pietro Tidei: “Invito a non svilire un’importante conquista democratica come il referendum per usarlo come squallida e meschina propaganda”

COMUNE SANTA MARINELLA
La sede del Comune di Santa Marinella

Non avendo idee, proposte forse nemmeno capacità, il Paese che Vorrei con i suoi alleati, (Rifondazione Comunista, Bacheca, Fratturato e Settanni), gioca con i referendum utilizzandoli non per quello che sono, strumento di democrazia partecipata, ma come meri atti propagandistici.

Dopo il comunicatino di Rifondazione con le FAQ, ma sarebbe più corretto e assonante chiamarle Fake; sulle mie dichiarazioni, ora anche l’annuncio di un ricorso al TAR.

DOLCE VITA STORE SPONSOR

Facciamo allora per l’ennesima volta chiarezza con i dati (non le chiacchiere):

Numero 1:

benché siano stati al comando di questa città per 10 anni, con i noti risultati ottenuti, la premiata coppia Bacheca-Fratturato ha mantenuto nello statuto la necessità di raccogliere 5000 (CINQUEMILA) firme per richiedere una consultazione referendaria. È stato il sottoscritto che ha portato il numero a 1200 firme cioè il 76% in meno, quindi dite voi chi tra i due sia il nemico dei referendum.

Numero 2:

il regolamento all’art. 31 prescrive che il referendum venga svolto nell’anno di deposito delle firme se ciò avviene entro febbraio; nel nostro caso le firme sono state depositate in 3 tranche nel mese di marzo 2021 (1, 15 e 16 marzo per la precisione), quindi i referendum dovranno tenersi nel 2022, e la prima finestra utile per regolamento, è quella 15/04-15/06/2022 e dovranno essere indetti con un preavviso di 60 giorni. Quindi non c’è nessun ritardo né omissione da parte dell’amministrazione considerando che anche ammettendo di prendere per buona la prima domenica utile l’indizione dovrebbe essere fatta non più tardi del 16 febbraio 2022.

FARMACIA PALOMBO SPONSOR
Numero 3:

I Referendum “non sono un costo“, ma i referendum “hanno un costo“, costo che la cittadinanza già stremata da tasse portate al massimo a causa del dissesto cagionato da chi sapete, dovrà sopportare e che è mia ferma intenzione cercare di ridurre a partire dalla assurda norma che prevede la notifica postale a tutti gli aventi diritto compreso i residenti all’estero che sono più di 400 persone.

Quindi esorto questi signori a una maggiore serietà; a non svilire un’importante conquista democratica come il referendum ad un mezzo di squallida e meschina propaganda. E li invito a cercare insieme i modi migliori per ridurre al massimo la spesa ed i disagi per la popolazione.

Riceviamo e pubblichiamo – il Sindaco Avv. Pietro Tidei

COLLABORA CON NOI!!! scrivi a talkcity.redazione@gmail.com / whattsapp 371.4257820

FAS SPONSOR

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.