Il Comunicato del Sindaco di Ladispoli Alessandro Grando e dalla pagina Facebook della Polizia di Stato

Dal 2009, il #12novembre è la giornata dedicata al ricordo delle vittime militari e civili cadute in missione internazionali di pace.

La ricorrenza coincide simbolicamente con la data della strage di #Nassiriya in cui persero la vita in Iraq, nel 2003, 17 militari e 2 civili italiani assieme ad altre 9 persone.

La data è per la #PoliziadiStato doppiamente importante: 4 anni prima, il 12 novembre 1999, perse la vita l’assistente capo Marco Gavino morto in un incidente aereo durante una missione Onu per la quale stava lavorando in Kosovo; nello schianto con lui morirono altre 24 persone tutte appartenenti alla Unmik –Onu.>

Dalla pagina Facebook “Polizia di Stato”

Comunicato stampa del Comune di Ladispoli

“Il 12 novembre 2003 a Nassiriya un camion cisterna carico di esplosivo ha cambiato le sorti della storia lasciando dietro di se solo dolore e disperazione. Sono passati 18 anni ma il nostro pensiero continua ad andare a loro, ai  12 Carabinieri, 5 militari dell’Esercito, un cooperatore internazionale e un regista che hanno perso la vita in quell’attentato terroristico.

Il Sindaco di Ladispoli Alessandro Grando

Erano in Iraq impegnati nell’operazione “Antica Babilonia”, per mantenere la pace, invece hanno trovato la morte. Ladispoli vuole che il loro ricordo sia sempre vivo e i nomi di quei 19 martiri sono ben visibili a tutti coloro che si fermano in piazza dei Caduti. Oggi come allora siamo vicini a quelle diciannove famiglie e al loro dolore.

Un pensiero speciale alla nostra concittadina Monica Cabiddu, vedova di Andrea Filippa, l’eroico carabiniere che riuscì ad impedire che l’esplosione del camion-bomba avvenisse all’interno della caserma causando una tragedia ancora peggiore.”

Il sindaco Alessandro Grando  

PIAZZA GRANDE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *