In due comunicati la polemica del Gruppo Consiliare M5S che dice; “Vendita autobus a metano, sulle prescrizioni ambientali non solo non si va avanti, bensì si torna indietro”; e la risposta dell’Assessore alle partecipate Daniele Barbieri: “Nessun bus in vendita, è una fake-news”

Nel giro di un’ora due comunicati stampa; prima quello del Gruppo Consiliare del Movimento 5 Stelle che accusa l’Amministrazione Tedesco di aver venduto uno dei bus a metano ceduti dall’Enel nelle compensazioni e dato in uso a CSP.

Arriva puntuale la risposta dell’Avvocato Daniele Barbieri, Assessore interessato perchè si occupa delle partecipate, che denuncia un “caso” creato sul nulla. Ecco i due comunicati:

RED CARPET SPONSOR
Gruppo Consiliare M5S:

<La misura è colma. Non solo non sono bastati 15 anni per ottenere il rispetto delle prescrizioni ambientali imposte dal Ministero nel 2003 per la messa in opera di TVN, ma ora grazie ad un capolavoro dell’attuale Giunta si riesce persino a cancellare quei risultati ambientali che erano stati ottenuti dalla nostra amministrazione dopo un decennio di nulla da parte dei “competenti”.

La notizia è la vendita di uno degli autobus a metano, comprati da Enel in ottemperanza alle prescrizioni ed in utilizzo a CSP, per comprarne un altro a diesel. Non solo: l’obiettivo è quello di venderne anche un altro.

csp-trasporti
csp-trasporti

Ricordiamo al Sindaco Tedesco che l’acquisto dei bus a metano aveva come obiettivo principale la diminuzione del carico inquinante sulla città. Il Sindaco forse non lo ricorda, perchè dal 2014 al 2019 è stato completamente assente dal dibattito politico cittadino; ma la situazione del parco mezzi del TPL cittadino è un’altra delle tante situazioni che al suo arrivo ha trovato risolta grazie al nostro lavoro.

Al suo insediamento infatti non ha trovato mezzi vecchi di 20 anni, altamente inquinanti e poco performanti come abbiamo trovato noi; eternamente guasti e con una partecipata in liquidazione che non poteva fare investimenti. Al suo insediamento il sindaco Tedesco ha trovato un parco mezzi nuovo, poco inquinante ed ottenuto, con tanta fatica, grazie all’imposizione del rispetto delle prescrizioni ambientali che giacevano nel cassetto dal 2003.

Al netto delle nostre opinioni comunque, scriveremo al Ministero dell’Ambiente per informarli che grazie al brillante operato dell’attuale Giunta le prescrizioni ambientali non sono più ottemperate, che l’intenzione è quella di continuare con il passo del gambero sulle questioni ambientali e che non solo non si completa quel poco che era rimasto da concludere su questa tematica (vedi parco Saraudi), bensì si torna addirittura indietro.

Invieremo inoltre una diffida dal vendere il secondo autobus a metano, nel rispetto delle prescrizioni ambientali a tutela della salute dei civitavecchiesi.>

Avv. Daniele Barbieri:

<Quella che sta circolando in queste ore non è una “notizia”, è una fandonia bella e buona. A inquinare, per ora, sono solo le fake news che vengono fatte circolare senza il minimo ritegno, allarmando la città in un momento in cui siamo tutti già preoccupati a sufficienza dal picco pandemico. Mi auguro che facciano subito marcia indietro, altrimenti dimostrerebbero un comportamento da irresponsabili che, onestamente, appare esagerato anche per loro>.

COLLABORA CON NOI!!! scrivi a talkcity.redazione@gmail.com / whattsapp 371.4257820

FARMACIA PALOMBO SPONSOR

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.