Davanti a un attento e folto pubblico, ha preso il via stamani ad Anguillara Sabazia “Metti una sera a cena… coregone e latterini del lago di Bracciano”; iniziativa per la promozione al consumo del pesce del lago di Bracciano e la tutela dei suoi pescatori promossa dall’Associazione Culturale Sabate.

Come ha spiegato in apertura lavori la presidente dell’associazione, dottoressa Graziarosa Villani, “La manifestazione è improntata alla promozione del consumo del Pesce di lago; perché, come associazione culturale, che da oltre 30 anni opera per le tradizioni e i costumi del Lago di Bracciano; intendiamo sostenere attivamente questa categoria professionale che si trova in gravissima difficoltà per varie motivazioni.

Centrale la questione delle semine, ovvero i ripopolamenti, che non vengono effettuati da tempo, perché bloccati dalla mancata attribuzione di competenze nel passaggio tra la provincia di Roma e la Regione Lazio.

Una delle conseguenze più gravi di questo vuoto è il fermo da oltre due anni dell’incubatore. Questa situazione sta determinando l’abbandono della categoria che rischia di scomparire; anche perchè – ha aggiunto la presidente – i pescatori sono per loro natura persone silenziose restie al clamore mediatico.

Il convegno, in corso all’Hotel Massimino di Anguillara Sabazia, vede in programma numerosi convegni e dibattiti ed è a ingresso gratuito.

A tutti i partecipanti verrà offerto in omaggio il ricettario “Il Lago in Tavola 2021”, realizzato per l’occasione dall’Associazione Culturale Sabate e un buono per ritirare gratuitamente, presso la pescheria Toto di Anguillara in piazza del Molo, un chilo di pesce tra coregone e latterini in modo da poter sperimentare ai fornelli di casa propria le ricette di lago.

Metti una sera a cena… coregone e latterini del lago di Bracciano

Paola Scarsi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.